www.meteofunghi.it

Alnus glutinosa    (L.) Gaertn    -    Famiglia delle Betulaceae

Questo elegante albero si riconosce per le ramificazioni regolari, la forma conica ed il colore verde scuro della chioma. È alto in genere 10-15 m, eccezionalmente può raggiungere i 25 m. Ha una corteccia ruvida e di colore marrone chiaro.

Le foglie dell'A. glutinosa sono caduche, alterne, coriacee, arrotondate e talvolta smarginate all'apice.
L'epiteto specifico fa riferimento alla pagina inferiore appiccicosa, specialmente nelle foglie giovani.

Gli amenti femminili e maschili crescono sullo stesso albero (pianta monoica) e sbocciano dall'inverno alla primavera. Quelli femminili, riuniti in piccoli gruppi di 3-6 amenti di forma simile agli strobili delle conifere, sono lungamente peduncolati, eretti e di colore verde. Quelli maschili, sono più lunghi (possono raggiungere i 6 cm), penduli e riuniti in gruppi di 3-5 amenti di colore giallo verdastro.

I frutti legnosi, prima verdi, poi neri, peduncolati, simili a piccoli strobili penduli, permangono sull'albero, dopo la disseminazione dei semi (acheni alati) anche per diversi anni.

Cresce nei terreni umidi e spesso fiancheggia le rive dei corsi d'acqua e dei laghi contribuendo al consolidamento delle sponde.
Le sue radici entrano in simbiosi con batteri azotofissatori, arricchendo così il suolo di azoto.

Il legno appena stagionato è giallastro, ma col tempo assume un colore rosso arancio. È di facile lavorazione; viene impiegato in piccoli lavori di falegnameria, di ebanisteria e per la realizzazione di pavimenti in legno.
Le foglie dell'ontano nero hanno proprietà diuretiche ed astringenti.
La corteccia è ricca di tannino, utilizzato in conceria e per la preparazione dell'inchiostro.
Il decotto della corteccia è impiegato nell'industria dei liquori per la preparazione di amari.
Fornisce svariate tinte: rosse dalla corteccia, verdi dai fiori, marroni dai giovani rami.

banner meteofunghi