www.meteofunghi.it

Alnus incana    (L.) Moench    -    Famiglia delle Betulaceae

È un albero di taglia medio-piccola alto fino a 15 m, a rapido accrescimento, chioma poco densa, fusto generalmente irregolare, ramificazione contorta con rami giovani tomentosi ed apparato radicale fittonante.
Ha una corteccia lucida, costantemente grigia (solo sfumata di rossastro con l'età) durante tutto il ciclo vitale, che in genere non supera i 100 anni.

Le foglie di questo ontano sono alterne, ovoidali acute con margine doppiamente dentato, lunghe 4–10 cm e larghe  3,5–7 cm, di colore verde opaco sulla pagina superiore, grigio chiaro su quella inferiore che è pubescente.

I fiori, quiescenti dall'autunno, si sviluppano all'inizio della primavera, prima della fogliazione.
Gli amenti maschili, penduli, lunghi fino a 7 cm, generalmente verdastri e prevalentemente a gruppi di 4, hanno brattee fiorali di colore viola scuro. Le infiorescense femminili, subsessili, sono più piccole (circa 1 cm), pelose ed in forma di gemme.

Le infruttescenze, peduncolate e a forma di coni ovoidali legnosi (pseudostrobili), prevalentemente a gruppi di 3, sono formate da acheni ad ala coriacea.
Al loro interno maturano semi molto piccoli, brevemente alati.

Presente su suoli umidi delle Alpi e dell'alto Appennino fino a 1600 m s.l.m., è una specie che necessita di molta luce; cresce bene anche su suoli molto poveri grazie alla sua capacità di fertilizzare il terreno legandosi in simbiosi con batteri azoto-fissatori.

Questo albero, dotato di grande facoltà pollonifera, è spesso utilizzato per il rimboschimento delle colline argillose e per stabilizzare pendii e scarpate.
È una specie officinale.

banner meteofunghi