www.meteofunghi.it

Cercis siliquastrum    L.    -    Famiglia delle Leguminosae

Alberello spogliante, alto fino a 15 m, dalla chioma espansa e dai rami molto slanciati, ad andamento zigzagante, Cercis siliquastrum ("albero di Giuda") ravviva i margini dei nostri boschi con le sue stupende fioriture rosa cremisi.

Ha foglie alterne, con un diametro di 5-10 cm, lungamente picciolate, arrotondate e cordate, lisce, di colore verde scuro sulla pagina superiore, glauco su quella inferiore, con nervatura palmata che non raggiunge il margine fogliare.

All'inizio della primavera appaiono sui rami (talvolta anche sul tronco), prima del fogliame, numerosi fiori ermafroditi peduncolati, con corolla papilionacea, solitari o in brevi racemi.
I fiori hanno un calice a coppa asimmetrica a 5 denti corti ed ottusi, una corolla zigomorfa di 1-2 cm, rosa cremisi, con vessillo più piccolo delle ali; hanno 10 stami liberi.

I frutti dell'"albero di Giuda" sono baccelli lineari, lunghi fino a 10 cm, compressi, color porpora a maturità (settembre-ottobre), che persistono dopo la caduta delle foglie.
Contengono fino a 14 semi ovali, piuttosto duri e brunastri.

C. siliquastrum ha un fusto irregolare e contorto, con una corteccia bruno rossastra, finemente screpolata. Il legno, rosso bruno, è duro ed a tessitura fine.

Presente in tutte le regioni italiane eccetto quelle nord-occidentali, vive al margine dei boschi, nelle macchie, su pendii rocciosi, prevalentemente su suoli calcarei, fino a 800 m.

È coltivato come pianta ornamentale in giardini, parchi ed alberature stradali.
Il legno di questo alberello è impiegato per lavori d'intarsio.
I fiori, commestibili, si possono utilizzare nelle insalate o friggere in pastella; i boccioli possono essere conservati sott'aceto come i capperi.

banner meteofunghi