www.meteofunghi.it

Colchicum bulbocodium subsp. versicolor    (Ker Gawl.) K. Perss.    -    Famiglia delle Colchicaceae

Colchicum bulbocodium subsp. bulbocodium Ker Gawl., presente sui rilievi piemontesi, valdostani, liguri, veneti e trentini, ha bulbo più grande (fino a 3 cm), tepali più lunghi (fino a 8,5 cm) con orecchiette acute alla base e foglie più larghe (fino ad 1,5 cm).
Le specie appartenenti al Gen. Colchicum possono essere scambiate con quelle appartenenti al Gen. Crocus. I colchici si distinguono per avere fiori a 6 stami, anziché 3 dei crochi.

Colchicum bulbocodium subsp. versicolor è una piccola pianta erbacea, alta in genere fino a 15 cm, dotata di un bulbo di dimensioni contenute (fino a 1,5 cm) con tuniche nerastre, da cui ogni anno vengono emessi foglie e fiori.

Le foglie, già presenti all’atto della fioritura, generalmente in numero di 3, di forma lineare-lanceolata con apice arrotondato ed avvolgenti la base del fiore, sono larghe fino ad 8 mm e lunghe anche 20 cm.

Alla fine di febbraio, alle quote più elevate all'inizio della primavera, quando la neve inizia a sciogliersi, produce un fiore, generalmente singolo, raramente in numero di due-tre.
Il fiore di questo bellissima piantina ha tepali rosa intenso-lilacini, di forma lanceolata, arrotondata all’apice, lunghi fino a 3 cm, lungamente peduncolati e convoluti alla base, con orecchiette (se presenti) ottuse. Possiede stili cilindrici ad apice caratteristicamente diviso in 3 stimmi brevemente peduncolati.

Il frutto di questo colchico è una piccola capsula elissoide.

Pianta piuttosto rara, vegeta nei pascoli aridi di alcune montagne umbre, laziali, abruzzesi e della Valle d'Aosta.

Anche questo colchico è velenoso per la presenza di diversi alcaloidi, alcuni di questi (tra i quali l'inulina) sono concentrati nei bulbotuberi, la colchicina è presente soprattutto nel rivestimento dei semi.

banner meteofunghi