www.meteofunghi.it

Cornus sanguinea    L.    -    Famiglia delle Cornaceae

Arbusto perenne alto fino a 6 metri, con tronco diritto o un po' contorto, dapprima liscio e poi rugoso con fessure rosate, generalmente ramificato fin dalla base e con chioma abbastanza fitta, la "sanguinella" (Cornus sanguinea) deve il suo nome specifico al colore rossastro delle foglie in autunno e dei rami giovani soprattutto nella stagione fredda.

Le sue foglie decidue,  lunghe fino a 8 cm, picciolate, opposte, ovato-ellittiche e un po' acuminate, con evidenti nervature ricurve, sono un po' ondulate e lievemente arrossate ai margini, più chiare e con pelosità sparsa nella pagina inferiore; alla fruttificazione diventano rosse e cadono. Le gemme, racchiuse fra 4 squame, sono lanugionose.

L'infiorescenza apicale, della "sanguinella" è un racemo composto, simile a quello del sambuco, con odore poco gradevole per l'uomo (ma molto attraente per i "maggiolini"). I fiori, peduncolati e di colore bianco, hanno 4 petali liberi e acuminati (lunghi circa 5 mm), 4 stami (lunghi come i petali) con antere crema, 1 pistillo con stigma tondo di colore verde. Fiorisce da aprile a giugno, dopo la fogliazione.

I frutti maturano generalmente all'inizio dell'autunno; sono piccole drupe globose di colore nero-bluastro (a volte con puntini bianchi), grandi come un pisello (5-8 mm), amarognole, con un nocciolo contenente semi oleosi.

Presente in tutte le regioni italiane, fino a 1300 m s.l.m., vive in boschi radi di latifoglie o misti, lungo i corsi d'acqua, nei cespuglieti.

È una pianta officinale. Il suo legno duro e compatto, si presta alla realizzazione di manici per attrezzi e bastoni da passeggio

banner meteofunghi