www.meteofunghi.it

Crepis vesicaria    L.    -    Famiglia delle Asteraceae

È una pianta erbacea annuale o biennale, con fusto eretto e ramoso, alto fino a 80 cm, spesso arrossato in basso, irto di peli; se spezzato emette un latice biancastro.

Ha le foglie disposte a rosetta alla base del fusto, intere, lobate o più spesso pennatosette; le cauline, sessili o amplessicauli, verso l'altro progressivamente più piccole, a volte ridotte in piccole brattee alla base dei rami fioriferi.

In primavera (anche nelle altre stagioni se le condizioni climatiche sono idonee) produce infiorescenze in racemi corimbosi con capolini di circa 2 cm di diametro, con fiori ligulati di colore giallo, talvolta con venature rosso-purpuree. L'involucro, cilindrico, ha brattee esterne scariose e squame irte di peli.

I frutti di questa Crepis sono acheni costoluti dotati di pappo piumoso.

Presente in tutte le regioni italiane, cresce nei coltivi, nei campi incolti, lungo i margini delle strade, sulle rive dei corsi d'acqua, fino a 1200 m s.l.m. Predilige i suoli calcarei.

È una specie officinale e commestibile.
Le foglie ed i boccioli fiorali possono essere consumati crudi, in insalata, oppure lessi, conditi con olio e limone o saltati in padella con olio ed aglio. Si può utilizzare, da sola o mista ad altre erbe, per fare ripieni di frittate o tortini di verdure, con ricotta e formaggi.

banner meteofunghi