www.meteofunghi.it

Cynoglossum creticum    Mill.    -    Famiglia delle Boraginaceae

È una pianta erbacea bienne alta fino a 60 cm, di colore grigio, tomentosa e pubescente, con radice fittonante, fusto angoloso, rigido, ramificato in alto, cosparso di peli soffici.

Ha foglie basali del primo anno tomentose, grigiastre, con peli sottili, di forma oblungo-lanceolata e dotate di picciolo alato lungo circa 8 cm; foglie cauline del secondo anno densamente pelose, brevemente picciolate, oblunghe e semi-abbraccianti nella parte inferiore del fusto, amplessicauli, oblungo-lanceolate ed arrotondate alla base le superiori.

Da aprile a giugno produce infiorescenze a cime scorpioidi, con fiori disposti su corti peduncoli, inizialmente rossastri, poi biancastri o azzurrognoli, venati da un reticolo viola o blu,  e dotati di:
calice a 5 sepali irsuti su entrambe le facce;
corolla che supera il calice, a 5 petali, imbutiforme o rotata, con tubo a 5 scaglie alla fauce;
5 stami inseriti nel tubo corollino;
stilo più corto del tubo.

I frutti di questa "lingua di cane" sono acheni indeiscenti (di circa 6 mm) con carpelli obovati, leggermente convessi, coperti di spine corte non confluenti, intervallate da tubercoli conici.

Presente in quasi tutte le regioni italiane, ad eccezione della Valle d'Aosta, cresce nei prati, nelle siepi, nei vigneti, negli incolti, fino a 1200 m s.l.m. Predilige i suoli calcarei o neutri.

È una specie tossica.
Viene coltivata come pianta ornamentale.

banner meteofunghi