www.meteofunghi.it

Cytisus scoparius    (L.) Link    -    Famiglia delle Fabaceae

La "ginestra dei carbonai" (Cytisus scoparius) è un piccolo arbusto a portamento cespitoso, alto fino a 3 m, dotato di fusto eretto, legnoso alla base, verde, angoloso con angoli dei rami acuti (5 coste larghe fino ad 1 mm), striato longitudinalmente, con rami giovani verdi, diritti e flessibili.

Ha piccole foglie trifogliate, decidue, stipolate; le inferiori dei rami vecchi con picciolo spianato e con pubescenza formata da brevi peli ricciuti sui piccioli e sulla pagina inferiore delle foglie, le superiori, sessili, lanceolate.

In maggio-giugno produce ricche infiorescenze a racemo composte da fiori pedicellati, isolati o appaiati all'ascella delle foglie poste sui fusti dell'anno precedente.
I fiori, giallo oro e profumati, grandi fino a 2,5 cm, hanno:
una corolla a 5 petali, con un petalo centrale (vessillo) più grande degli altri,  ripiegato verso l'alto, smarginato all'apice ed arrotondato alla base, 2 ali (petali intermedi, laterali)  libere ed oblunghe, 2 petali inferiori (carena) concresciuti ed inclusi nelle ali;
sepali saldati tra di loro a formare un calice tubulare (calice gamosepalo) piuttosto allungato (circa 6,5 mm) e bilabiato perché terminante con 5 denti acuti, di cui 2 superiori corti e 3 inferiori lunghi;
10 stami connati;
uno stilo ricurvo (che si attorciglia a spirale dopo la fioritura), con stigma apicale;
ovario supero.

I suoi frutti sono legumi appiattiti, scuri a maturità, pelosi sui bordi, larghi circa 1 cm e lunghi circa 4 cm, che si aprono espellendo violentemente (deiscenza esplosiva) circa 13 semi piatti, ovoidi.

Presente in quasi tutte le regioni italiane, ad eccezione del Veneto, cresce, fino a 1400 m s.l.m., in boschi radi, nelle radure boschive, brughiere, garighe, macchie basse ed arbusteti. Predilige i suoli silicei.

È una specie tossica ed officinale.
Questa bella ginestra viene coltivata come pianta ornamentale ed è utilizzata per il consolidamento delle scarpate.

banner meteofunghi