www.meteofunghi.it

Echinophora spinosa    L.    -    Famiglia delle Apiaceae

È una pianta erbacea perenne che, grazie al suo rizoma (che presenta annulature trasversali con squame grigiastre terminali) serpeggiante e lungo fino a un metro, rimane saldamente aggrappata alle sabbie costiere.
Questa specie, semi-succulenta, caratterizzata dalla parte aerea che muore nel periodo invernale, ha robusti fusti scanalati, molto ramificati, pubescenti, di color verde grigiastro, che si innalzano fino a 70 cm.

Ha foglie che, per resistere all'ambiente ostile, terminano all'apice con una spina rigida e si presentano rade e rigide, profondamente divise, a lobi trigoni, carenati sotto, solcati sopra.

Da aprile a settembre produce infiorescenze sommitali riunite a ombrello, a 6-10 raggi, avvolte da un involucro di brattee rigide lanceolato-spinose.
I fiori (quello centrale, ermafrodito, circondato da fiori maschili) sono tutti bianchi (talvolta screziati di rosso) e piuttosto piccoli. Sono costituiti da:
5 petali liberi;
ovario infero che, una volta fecondato, genera un frutto secco, diachenio e ovoide, con stili eretti.

Presente ovunque nei litorali sabbiosi italiani, risulta molto utile per il consolidamento della prima fascia dunale fissa.

È una pianta commestibile. Le foglie giovani si utilizzano nelle insalate miste. Le radici, raccolte a fine inverno, possono essere utilizzate come le carote.








banner meteofunghi