www.meteofunghi.it

Epipactis palustris    (L.) Crantz    -    Famiglia delle Orchidaceae

È un'orchidea alta fino a 50 cm, con base del fusto avvolta da 2-3 squame rosee e sommità pubescente, generalmente sfumata di porpora; è dotata di rizoma stolonifero orizzontale portante anche più di un fusto.

Ha 6-8 foglie cauline lanceolate, arcuate, carenate; le superiori progressivamente più piccole, fino a bratteiformi.

Durante l'estate produce una spiga fiorale lassa e tomentosa di 7-20 grandi fiori penduli, con colori d'intensità variabile, dotati di brattea inferiore della stessa lunghezza del fiore o più corta.
I fiori hanno:
sepali da verdastri a violacei, lunghi fino a 13 mm, i laterali aperti, il mediano sub-eretto a formare un casco con i petali;
petali ottusi, un po’ più corti dei sepali, bianchi con striature rossastre, rosei alla base;
labello lungo fino a 13 mm, articolato in due parti (ipochilo ed epichilo) unite fra loro da una giuntura mobile: l'ipochilo (parte basale), con 2 lobi laterali triangolari, è bianco con strie violacee; l'epichilo (parte apicale), mobile, è bianco, arrotondato, largamente cordiforme, a margine ondulato e con 2 increspature basali gialle;
antera a logge ravvicinate e parallele;
ovario fusiforme, con lungo pedicello ritorto, entrambi porporino-violacei e tomentosi.

I frutti di questa orchidea sono capsule contenenti numerosi semi molto piccoli.

Pianta rara, ma presente in tutte le regioni italiane fino a 1600 m s.l.m., deve il suo epiteto specifico all'ambiente molto ricco di umidità, spesso palustre, in cui vive.

banner meteofunghi