www.meteofunghi.it

Euphorbia peplus    L.    -    Famiglia delle Euphorbiaceae

È una piccola pianta erbacea annuale, glabra, alta fino a 30 cm, con radice fittonante e fusti cilindrici, spesso ramificati dalla base ed arrossati.

Ha foglie con picciolo di circa 1 cm, alterne, intere, obovate o ellittiche, attenuate alla base, verdi, un po' glauche specialmente nella pagina inferiore.

In tutti i mesi dell'anno (perlomeno nelle località a clima non molto freddo) produce infiorescenze a ombrella con brattee triangolari-ovate, simili alle foglie superiori, dalle quali si sviluppano alcuni raggi (generalmente 3) con biforcazioni, anch'essi accompagnati da bratteole ovali.
I ciazi (tipiche infiorescenze ad ombrelle terminali delle Euphorbiaceae), larghi circa 1 mm, sono subsessili, con due brattee basali, su una struttura a coppa contenente uno stame ed un fiore femminile peduncolato, circondati da quattro nettari ellittici, giallo-verdastri, attenuati in un apice a mezzaluna con due corni biancastri.

Il frutti (coccari) di questa comunissima euforbia sono subglobosi, con tre mericarpi, detti cocchi, lisci e alati longitudinalmente, contenenti semi ovoidi a sezione esagonale, grigio-biancastri.

Presente in tutte le regioni italiane, vive negli incolti, nei campi coltivati, pascoli, giardini, fino a 1700  m s.l.m.

È una pianta officinale, tossica. Alla rottura emette lattice biancastro, irritante al contatto con la pelle.


banner meteofunghi