www.meteofunghi.it

Galeopsis tetrahit    L.    -    Famiglia delle Lamiaceae

Può essere confusa con Galeopsis pubescens Besser che ha la corolla lunga più del doppio del calice e di colore giallo con venature rosse alla fauce.

È una pianta erbacea annua, alta fino a 60 cm, con radice a fittone e fusto eretto, ascendente, ramoso e quasi corimboso nella porzione superiore (talvolta semplice), a sezione tetragona e con le quattro facce concave. Ai nodi il fusto è ingrossato-clavato e ricoperto da setole patenti e in genere anche da brevi peli ghiandolari.

Ha foglie dotate di picciolo (lungo circa 2 cm), opposte, ovali o ovato-lanceolate a base allargata ed apice acuminato (larghe circa 2,5 cm e lunghe circa 6,5 cm), sub-pubescenti (per peli ghiandolari sferoidali giallo-scuro), con evidenti nervature e 6-10 denti ottusi per lato sul margine.

Da giugno a ottobre produce infiorescenze verticillate, con circa 8 fiori (collocati nei verticilli delle ascelle fogliari), brattee simili alle foglie, bratteole lanceolate spinose ad apice ricurvo e, alla base, peli ghiandolari brunastri.
I fiori hanno:
la tipica corolla delle Lamiaceae, di colore bianco, rosa o giallastro, con tubo tronco-conico, labbro superiore peloso e labbro inferiore trilobato, con lobi laterali un po' penduli e lobo centrale più grande, con 2 gibbe e screziature generalmente di colore porpora scuro;
calice (che racchiude la corolla prima della fioritura) con tubo di circa 6 mm, a 5 denti acuti lunghi circa 5 mm;
4 stami, di cui due più lunghi e due più corti (didinami), sporgenti dalla corolla, posizionati sotto il labbro superiore, con antere biloculari cigliate;
stigma bifido;
ovario supero, bicarpellare.

Il frutto, brunastro e screziato, della G. tetrahit è formato da 4 nucule (tetracheni) ovoidali o trigone, con cicatrici scure, inserite alla base del calice.

Presente in quasi tutte le regioni italiane (assente in Puglia e nelle Isole), vegeta, su terreni nitrofili, nei cespuglieti, nelle radure boschive, in boschi radi, nei coltivi, in zone ruderali, fino a 2000 m s.l.m.

È una pianta officinale.






banner meteofunghi