www.meteofunghi.it

Lunaria rediviva    L.    -    Famiglia delle Brassicaceae

La "lunaria odorosa" (Lunaria rediviva) può essere confusa con i "medaglioni (o monete) del papa" (Lunaria annua L.), pianta bienne, priva del tutto o quasi di peli, con foglie superiori non picciolate, frutti di forma più arrotondata, fiori più grandi e viola (talvolta bianchi), foglie meno dentate.

È una pianta erbacea perenne, provvista di rizoma, alta fino a 120 cm, con fusto eretto, cilindrico, da sub-glabro ad ispido per densi peli discendenti.

Ha foglie inferiori e medie opposte, triangolari-astate (larghe fino a 13 cm e lunghe fino a 15 cm), a bordo regolarmente dentato e con picciolo lungo circa 12 cm; foglie superiori alterne, ovato-lanceolate e progressivamente più piccole.

In maggio-giugno sviluppa infiorescenze terminali in brevi racemi ascellari.
I fiori, odorosi, dotati di peduncolo lungo fino a 15 mm, hanno:
sepali violetti con punta verde divaricata (i due inferiori con base a sacco), lunghi circa 7,5 mm;
petali (4, come in tutte le Brassicaceae, sinonimo di Cruciferae) di colore violetto pallido (più chiaro dei sepali), spatolati (larghi circa 6,5 mm e lunghi circa 15 mm), generalmente un po' smarginati.

Il frutto di questa Lunaria, pendente da un lungo peduncolo, è una siliqua appiattita, ellittica e progressivamente ristretta alle estremità (larga circa 1,5 cm e lunga circa 4,5 cm), dotata di nervature formanti una rete a maglie allungate longitudinalmente, con stilo persistente (lungo fino a 7 mm). Contiene 3-4 semi alati.

Presente in tutte le regioni italiane, ad eccezione della Puglia, vive in luoghi ombrosi ed umidi, fino a 1000 m s.l.m.

È una pianta commestibile; le foglie giovani, le radici, i fiori e le silique immature (private del bordo) si possono utilizzare nelle insalate.
È utilizzata come pianta ornamentale.












banner meteofunghi