www.meteofunghi.it

Lythrum salicaria    L.    -    Famiglia delle Lythraceae

La "salcerella" (Lythrum salicaria) è una pianta erbacea perenne rizomatosa, alta fino a 2 metri, con fusto un po' legnoso alla base, ramificato già dal basso (talvolta semplice), tetragono e coperto da peli corti e sottili.

Ha foglie sessili, da allungate-ellittiche a triangolari-lanceolate, con base arrotondata o cordata ed apice acuminato, provviste, nella pagina inferiore, di 19 nervature laterali riunentesi in una nervatura che decorre parallelamente al margine; opposte o verticillate a tre a tre nella parte inferiore del fusto, alterne in quella superiore.

Da giugno a settembre sviluppa infiorescenze costituite da densi racemi terminali.
I fiori, sboccianti da brattee ascellari, hanno:
una corolla rosa-violacea a 6 petali patenti, lanceolati, ristretti a cuneo alla base;
un calice pubescente, con tubo cilindrico (lungo circa 5 mm), terminante in 12 denti, 6 dei quali (segmenti dell'epicalice) sottili (lunghi fino a 3 mm), gli altri 6 (alterni ai primi) corti e triangolari;
12 stami.

I frutti della "salcerella" sono capsule ovoidi (lunghe circa 3,5 mm) che, a maturità si aprono in due parti (biloculari deiscenti), liberando numerosi semi bruno-giallastri a contorno triangolare.

Presente in tutte le regioni italiane, vive in ambienti umidi (anche salmastri) fino a 1400 m s.l.m.

È una pianta commestibile, officinale; i germogli si possono utilizzare lessati o nelle insalate.






























banner meteofunghi