www.meteofunghi.it

Mespilus germanica    L.    -    Famiglia delle Rosaceae

Di altezza compresa tra 3 e 6 metri, presenta una chioma espansa che da adulto può raggiungere gli 8 metri di diametro, con una certa tendenza dei rami a ricadere.
Ha fusti contorti e ramificati fin dalla base, dotati di corteccia brunastra con sfumature grigiastre, sfaldantesi a placche nei soggetti adulti. I rami (tomentosi da giovani) possono essere spinosi negli esemplari selvatici.

Le foglie del "nespolo d'inverno" (M. germanica), decidue, brevissimamente picciolate e con stipole ovate,  finemente seghettate all'apice, grandi, ovato-oblunghe, a base cuneata (o un po' arrotondata) ed apice acuto, inizialmente opache per la presenza di una leggera peluria (che poi rimane solo sulla pagina inferiore, che presenta nervature rilevate), tendono rapidamente al verde scuro ed assumono una bella colorazione giallo-arancio in autunno.

I fiori, solitari e portati da un breve peduncolo, compaiono dopo le foglie, in maggio-giugno. Hanno:
una corolla bianca a 5 petali arrotondati;
un calice (con una brattea verdastra, lineare-lanceolata alla base) formato da 5 lacinie lesiniformi, tomentose, persistenti;
30-40 stami saldati alla base, con filamenti bianchi e antere rossastre;
5 stili.

Le "nespole", che maturano nel tardo autunno (quando la polpa diventa deliquescente), sono delle drupe globoso-depresse di colore bruno ferrugineo, corollate all'apice dai residui delle lacinie calicine che delimitano un'ampia area circolare depressa. Contengono 5 grossi semi legnosi.

Presente in tutte le regioni italiane, vegeta nei boschi di latifoglie e nelle siepi fino a 1000 m s.l.m.

È una pianta commestibile ed officinale.
Le "nespole d'inverno" maturano nel tardo autunno; la polpa al momento della raccolta è dura e ricca di tannini, di conseguenza i frutti devono essere sistemati in un luogo asciutto e senza luce per completare il processo di maturazione (ammezzimento). Si possono consumare come frutta; possono anche essere utilizzate per produrre liquori e marmellate.




















banner meteofunghi