www.meteofunghi.it

Papaver alpinum  L.  subsp. ernesti-mayeri   [Papaver degenii  (Urum. & Jàv,) Kuzm.,    Papaver julicum  Mayer & Merxm.] Famiglia delle Papaveraceae

È una pianta erbacea perenne, alta 8-20 cm, con fusto strisciante, dal quale si eleva uno scapo unifloro, pubescente, generalmente eretto.

Le foglie, tutte basali di piccole dimensioni, sono pennate a segmenti lanceolati (il terminale più lungo) più o meno acuti, con 1-2 denti per lato.

Fiorisce in luglio-agosto.
I fiori hanno una corolla larga 4-6 cm, con petali obovato-rotondi, bianchi o gialli (talvolta rosso arancio) e numerosi stami.
L'ovario, supero, sincarpico pluricarpellare, ha raggi stigmatici piramidali.

Il frutto è una capsula poricida cilindrica pelosa.

Presente nel Friuli (Alpi e Prealpi Giulie), nell'Appennino Marchigiano, Laziale ed Abruzzese, vive nei brecciai calcarei da 2000 a 2800 m s.l.m.

Si tratta di un'entità appartenente ad una specie polimorfa, probabile relitto della flora preglaciale.
Le varietà a fiori gialli e bianchi sono attualmente considerate come un'unica sottospecie del Papaver alpinum (Papaver alpinum subsp. ernesti-mayeri).
Secondo precedenti studi, gli esemplari a petali gialli venivano denominati Papaver degenii, quelli a petali bianchi Papaver julicum. Le due varietà si trovano generalmente in siti distinti e presentano delle differenze morfologiche soprattutto nelle foglie: Papaver degenii ha foglie verdi e glabre, Papaver julicum bianco-tomentose.
Non è dunque da escludere che, prima o poi, tornino ad essere considerate come sottospecie distinte.

banner meteofunghi