www.meteofunghi.it

Agaricus urinascens    (Jul. Schäff. & F.H. Møller) Singer

Questo grande "prataiolo" ("turino" nell'Italia centrale) dei prati-pascoli montani, ha un cappello che può raggiungere i 30 cm di diametro, di forma quasi sferica negli esemplari giovani, poi convesso con il centro di norma appiattito, biancastro o camoscio chiaro, decorato da fioccosità squamose e con margine frangiato per residui del velo parziale. La superficie del cappello tende a rompersi in areole sotto l'azione del sole e del vento; ingiallisce lentamente alla manipolazione.
Il gambo, corto e grosso, alto fino a 15 cm, è cilindrico o fusiforme, talvolta ventricoso, con base radicante. Ha una superficie bianca ricoperta da squamette facilmente detersibili, ingiallente lentamente alla manipolazione. È ornato superiormente da un ampio anello discendente, bianco, grossolanamente fioccoso sulla faccia inferiore, spesso con margine a forma di ruota dentata.
Le lamelle, libere, fini e strette, sono inizialmente di colore grigio chiaro, poi rosa rossastro, con filo pallido; a maturazione delle spore assumono, infine, una colorazione bruno marrone.
Possiede una carne piuttosto spessa e soda, bianca, volgente lentamente al giallo se esposta all'aria, con sapore fungino e debole odore anisato nel giovane, un po' sgradevole negli esemplari maturi.
Cresce in estate-autunno formando grandi "cerchi delle streghe" nei prati-pascoli di montagna.
È un fungo commestibile.

banner meteofunghi