www.meteofunghi.it

Amanita excelsa    (Fr.) Bertill.

Il cappello dell'Amanita excelsa può raggiungere i 16 cm di diametro; inizialmente globoso, a maturità diventa appianato, talvolta anche un po' depresso al centro. Ha una cuticola grigiastra, spesso cosparsa di verruche farinose biancastre facilmente asportabili.
Il gambo, alto fino a 16 cm, è abbastanza slanciato, un po' flessuoso e leggermente ingrossato verso la base, interrato-radicante; la superficie è liscia, talvolta squamosa sotto l'anello, bianca ma imbrunente alla manipolazione. È dotato di un ampio anello piuttosto fragile e di una volva alquanto friabile e ridotta a residui fioccosi alla base.
Le lamelle sono bianche con tenui riflessi rosati.
La carne è bianca, con odore e sapore gradevoli.
Cresce nei boschi d'estate ed in autunno.
È bene evitare il consumo di questo fungo perché di scarso valore alimentare e, soprattutto, perché facilmente confondibile con la velenosa Amanita pantherina.

La var. spissa è più tozza, ha un cappello grigio scuro e bulbo napiforme alla base del gambo.
La var. valida ha il cappello di colore bronzeo e tende ad imbrunire al margine del cappello, sull'anello e sul filo delle lamelle; anche la carne scurisce alla contusione.
L'Amanita pantherina è abbastanza simile; si distingue per il margine del cappello (quasi sempre) striato, il gambo dotato di un bulbo basale arrotondato, con una volva circoncisa a bordo netto sormontata generalmente da un bracciale più o meno completo ed obliquo.

banner meteofunghi