www.meteofunghi.it

Amanita gemmata    (Fr.) Bertill.

È un fungo di aspetto molto variabile, soprattutto nella taglia, nei cromatismi del cappello e nella forma del bulbo basale dello stipite.
Il nome della specie (latino gemmata = ornata di gemme) si riferisce alle verruche del cappello.

Ha un cappello di medie dimensioni che può raggiungere i 10 cm di diametro, inizialmente emisferico, poi convesso spianato, talvolta un po' depresso, con margine striato a maturità, dotato di una cuticola asportabile, generalmente umida e di aspetto ceroso, brillante con tempo asciutto, di colore dal giallo crema all'ocraceo, più scuro al centro, cosparsa quasi sempre di placche bianche generalmente abbastanza grandi, talvolta piccole.
Il gambo, tozzo, oppure slanciato ed alto fino a 12 cm, midolloso e poi cavo, è prevalentemente cilindrico o appena rastremato in alto, con una base bulbosa da rotondeggiante a napiforme, un po' appuntita e radicante. Ha una superficie bianca, liscia o finemente fioccosa, un anello supero, concolore, membranoso, piuttosto fragile ed una volva bianca, submembranosa, evidenziata da un collarino alla sommità del bulbo.
Le lamelle sono bianche, libere e mediamente fitte.
La carne, tenera e bianca (un po' citrina sotto la cuticola del cappello) è pressoché priva di odore e sapore. Cresce in primavera, talvolta in autunno-inverno, nei boschi su terreno acido, molto spesso sul suolo sabbioso dei litorali marini.
È un fungo tossico.

banner meteofunghi