www.meteofunghi.it

Clitocybe gibba    (Pers.) Fr.

Funghi molto diffusi, gli "imbutini" si presentano in gruppi anche numerosi. Occorre fare attenzione a non consumare le specie tossiche appartenenti allo stesso genere Clitocybe che, comunque, non emanano il gradevole odore di mandorle amare di questa e di alcune altre Clitocybe commestibili.

Il cappello, di piccole - medie dimensioni, di norma non supera i 6 cm di diametro. Di forma più o meno circolare, talvolta con margine ondulato e con costolatura corta, è quasi convesso (a volte con piccolo umbone), con margine involuto da giovane  e tende presto ad assumere la caratteristica forma ad imbuto. La cuticola, finemente vellutata (perlomeno negli esemplari più giovani), è di colore beige o nocciola chiaro.
Il gambo, alto 5-8 cm, abbastanza slanciato e cilindrico, talvolta clavato, è rivestito alla base da una feltratura bianca; il colore è più chiaro di quello del cappello.
Ha lamelle biancastre, abbastanza fitte e molto decorrenti.
La carne è bianca; piuttosto tenace ed elastica nel cappello, fibrosa nel gambo (stopposa alla base). L'odore è gradevole, di mandorle amare. Il sapore è dolciastro.
Diffuso in tutti i boschi, è più frequente in autunno; assente nel periodo più freddo dell'anno.
È un fungo commestibile; richiede una cottura prolungata.

banner meteofunghi