www.meteofunghi.it

Imperator luteocupreus
(Bertéa & Estadès) Assyov, Bellanger, Bertéa, Courtec., G. Koller, Loizides, G. Marques, J.A. Muñoz, N. Oppicelli, D. Puddu, F. Rich. & P.-A. Moreau

Specie molto bella e di grandi dimensioni, può essere confusa con Imperator rhodopurpureus, che ha colori del cappello differenti (rosa porporino) e con Imperator torosus, uniformemente giallo da giovane.

Ha un cappello che può raggiungere i 20 cm di diametro, inizialmente emisferico, poi convesso-appianato e provvisto di cuticola secca e di colore giallo cromo o giallo cuoio, con sfumature aranciate o rosate, virante istantaneamente al blu al minimo tocco.
Il gambo, piuttosto tarchiato, inizialmente ventricoso, poi più slanciato, alto fino ad 11 cm, è percorso da un fine reticolo rosso (giallo soltanto nel primissimo stadio di sviluppo), su sfondo giallo o giallo arancio in alto, sempre più scuro e sfumato di rosso carminio verso la base.
I tubuli dell'I luteocupreus, arrotondati al gambo, sottili, lunghi e gialli, terminano in piccoli pori, inizialmente gialli, ma ben presto rosso sangue; tubuli e pori virano al blu alla pressione o alla sezione.
La carne, soda soprattutto nel fungo giovane, è prevalentemente gialla, rosso scuro alla base del gambo, di sapore un po' acidulo e con debole, sgradevole odore; al taglio vira rapidamente al blu.
Cresce, dall'estate all'inizio dell'autunno, nei boschi caldi di latifoglie; è più comune sotto querce e castagni.
È un fungo tossico.

banner meteofunghi