www.meteofunghi.it

Lactarius chrysorrheus    Fr.

Questo Lactarius, molto comune nei boschi, soprattutto nell'areale mediterraneo, ha un cappello poco carnoso, inizialmente piano-convesso, poi piano con bordo a lungo involuto, infine depresso specialmente al centro, con un diametro di 4-10 cm. La cuticola, di colore arancio ocraceo, rosa arancio, su sfondo giallastro pallido o rosa chiaro, con tonalità più o meno scure disposte in zonature concentriche, è leggermente pruinosa al margine del cappello.
Il gambo, alto 3-7 cm, cilindrico o leggermente clavato, inizialmente pieno, poi cavo, pruinoso nel giovane, talvolta dotato di piccoli scrobicoli, è di colore biancastro con chiazze crema chiaro.
Le lamelle, fragili, abbastanza fitte, strette, talvolta leggermente decorrenti, sono di colore biancastro nel fungo giovane, crema rosa nell'adulto.
Ha una carne piuttosto soda, fragile, biancastra, priva di odore e di sapore acre.
Alla rottura, emette abbondante latice bianco, virante rapidamente al giallo zolfo.
Cresce in autunno, spesso anche all'inizio dell'inverno in ambiente mediterraneo, nei boschi di latifoglia, in modo particolare nelle leccete.
È un fungo non commestibile.

banner meteofunghi