www.meteofunghi.it

Megacollybia platyphylla    (Pers.) Kotl. & Pouzar

Unica specie europea appartenente al genere Megacollybia Kotl. & Pouzar, della famiglia delle Tricholomataceae, è facilmente riconoscibile per le notevoli dimensioni, la scarsa carnosità del cappello, le lamelle molto larghe, le caratteristiche lacerazioni radiali del cappello ed il sapore amaro.

Il cappello, che può raggiungere i 15 cm di diametro, inizialmente convesso, poi spianato e lacerato radialmente, è poco carnoso, fibrilloso e di colore grigio, marrone scuro o brunastro.
Il gambo, alto 8-12 cm, presto cavo, è perlopiù cilindrico, un po' ingrossato in basso, fibrilloso, grigio chiaro e dotato alla base di grossi cordoni miceliari biancastri.
Le lamelle, smarginate, sinuose, distanti e molto larghe, sono di colore biancastro.
Ha una carne di consistenza fibrosa e croccante alla rottura, biancastra, di sapore amaro ed emanante un debole odore rafanoide.
Cresce, in estate-autunno, nei boschi di latifoglie, su terreni ricchi di residui vegetali ed alla base di vecchie ceppaie o di alberi marcescenti.
È un fungo non commestibile.

banner meteofunghi