www.meteofunghi.it

Morchella esculenta    (L.) Pers.

Si tratta di un ascomicete a fruttificazione primaverile, conosciuto con il nome volgare di "spugnola", di forma molto particolare, ben diversa da quella della maggior parte dei funghi più raccolti. Morchella esculenta è la "spugnola" più comune; meno frequente è la M. elata, di colore scuro e con la mitra (pseudo-cappello) di forma nettamente conica.
Le morchelle hanno conformazione e colori molto variabili, di conseguenza sono state create, nel tempo, molte varietà che, comunque, non sono altro che la manifestazione di una notevole variabilità intraspecifica.

M. esculenta è internamente vuota.
Ha una mitra che può presentarsi con forma ovoidale, arrotondata, più o meno conica, irregolarmente alveolata, larga fino a 5 cm e alta fino a 10 cm, di colore giallo ocra, ocra brunastro, talvolta con sfumature olivastre, occasionalmente grigio scuro.
Il gambo di questa "spugnola", alto fino ad 8 cm e largo fino a 4 cm, di colore bianco crema, frequentemente con macchie rugginose soprattutto alla base (in modo particolare a maturità), generalmente allargato in basso, è di norma slanciato, ma può anche essere piuttosto tozzo; è un po' rugoloso, forforaceo e può presentare delle grossolane costolature soprattutto nella parte inferiore.
La carne è biancastra o giallo chiaro, specialmente nell'adulto, ceracea, elastica ed emana un debole odore molto particolare, relativamente gradevole, ma da alcuni definito spermatico. Ha un sapore delicato e dolciastro.
Cresce in primavera, su suolo piuttosto umido e ricco di materiale organico.
È commestibile dopo adeguata cottura. Si consiglia una pre-bollitura in abbondante acqua in pentola senza coperchio, evitando di inalare i vapori che fuoriescono.

banner meteofunghi