www.meteofunghi.it

Porphyrellus porphyrosporus     (Fr. & Hök) E.-J. Gilbert

Ha un cappello dapprima emisferico, poi convesso-appianato,  con un diametro che può raggiungere i 15 cm, a bordo acuto e cuticola finemente tomentosa, di colore grigio marrone scuro, grigio brunastro, bruno olivastro fuligginoso.
Il gambo, sodo e pieno, di questa singolare boletacea è cilindrico, talvolta un po' claviforme, abbastanza slanciato, alto fino a 12 cm, con una superficie pruinosa vellutata, biancastra verso la base, altrove grigio brunastra, bruno rossastra.
È provvisto di tubuli semiliberi al gambo, grigio chiaro nel giovane, bruno porpora nel fungo maturo, terminanti in pori irregolari, concolori, viranti al bruno nerastro alla pressione.
Possiede una carne soda e biancastra in gioventù, molle e rosa nerastra a piena maturazione, fibrosa nel gambo, virante al rosa brunastro (talvolta con sfumature bluastre) alla sezione, di sapore leggermente asprigno ed emanante un  debole odore muschioso.
Produce una sporata bruno rossastra.

Cresce in estate-autunno nei boschi di conifere; è più comune sotto abete rosso (Picea excelsa).
È un fungo commestibile di qualità mediocre.

banner meteofunghi