www.meteofunghi.it

Rheubarbariboletus armeniacus    (Quél.) Vizzini, Simonini & Gelardi

Ha un cappello che può raggiungere i 10 cm di diametro, dapprima emisferico o convesso con orlo involuto, poi guancialiforme. La cuticola, asciutta e finemente vellutata, screpolata-areolata con il tempo secco, è di colore rosa aranciato o albicocca con lievi tonalità viola-ametistine.
Il gambo, più o meno cilindrico, di norma affusolato verso la base, talvolta un po' ingrossato nella parte mediana, concolore al cappello o più chiaro, è percorso longitudinalmente da tenui costolature anastomosate.
I tubuli, giallo crema poi verdolini, sono arrotondati al gambo e terminano in pori angolosi di colore giallo oro, giallo arancio verdastro, con qualche sfumatura rossastra a maturità, viranti al verde sporco al tocco o allo sfregamento.
La carne, abbastanza soda nei giovani esemplari, presto molle, un po' coriacea nel gambo, è di colore giallo chiaro nel cappello con sfumatura rosa arancio sotto la cuticola, giallo vivo nel gambo con tonalità arancio-ocracee alla base; al taglio vira al verde-bluastro nei tubuli, nella porzione superiore del gambo e nel cappello appena al disopra dei tubuli. Ha sapore dolciastro ed emana un debole odore fruttato.
Cresce dall'estate all'autunno nei boschi caldi e soleggiati di latifoglie, prevalentemente sotto querce e castagni.
È un fungo commestibile.

banner meteofunghi