www.meteofunghi.it

Tricholoma batschii    Gulden

Fa parte della sottosezione Subannulata comprendente alcune specie appartenenti al gen. Tricholoma che presentano una zona pseudoanulare sul gambo; questa sottosezione è inclusa nella sezione Albobrunnea Kühner emend. Bon che comprende le specie a tinte brune, fulve, aranciate.

T. batschii ha un cappello che può raggiungere i 15 cm di diametro, prima convesso con orlo involuto, poi appianato con umbone appena accennato. La cuticola, sottile e poco separabile, vischiosa a tempo umido, sericeo satinata a tempo secco, è di colore bruno rossastro, bruno fulvo, tendente a scolorire fino al castano rosato.
Il gambo, abbastanza robusto, lievemente svasato in alto, arrotondato e ricurvo alla base, alto fino a 12 cm, è concolore al cappello nei tre quarti inferiori e presenta in alto una zona pseudoanulare fioccoso-lanosa, più evidente nel fungo giovane; al disopra della zona pseudoanulare è bianco sericeo, punteggiato di bruniccio nel fungo maturo.
Le lamelle, piuttosto fitte, larghe, sinuose e smarginate, sono biancastre con debole sfumatura rosa crema e tendono a macchiarsi leggermente di brunastro con l'età.
Possiede una carne soda nel cappello, compatta nel gambo, bianca, virante al rosa brunastro dopo il taglio, di sapore amaro ed emanante un debole odore farinoso.
Cresce nei boschi di conifere dalla tarda estate all'autunno, anche all'inizio dell'inverno in ambiente mediterraneo.
È un fungo non commestibile.

banner meteofunghi